Sabato 10 Dicembre 2016
 
 

HOME PAGE
ASSOCIAZIONE
TESSERAMENTO
ACCOGLIENZA
GIOVANI
ARCHIVIO FOTO
LESBO
TRANS
SPORTELLO DIRITTI
CASA DELLE DIVERSITÀ
RASSEGNA STAMPA

CONTATTACI
divercity
Attività di accoglienza, consulenza psicologica e legale gratuita

Orari sportello:

lunedì: 9 - 14
giovedì: dalle 13 - 18


CENTRI DI RIFERIMENTO
Test HIV di IV generazione

1)

Risposta anonima in 24H
Fondazione Pascale
Centro immunotrasfusionale
Laboratorio di virologia
Dott. Arnolfo petruzziello
Via Semmola
Tel. 081- 5903433
Servizio gratuito

2)

AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI OSPEDALE COTUGNO
Gruppo C - Ambulatorio
Esterno

Via G. Quagliariello, 54
80131 Napoli
Tel. 081.590.83.25 o
081.590.82.51
Accesso Lun 9:00 - 12:00
Giov 09:00 - 12:00
Gratuito e Anonimo

3)

Centro Test IST

(Infezioni Sessualmente
Trasmissibili) MTS-MST
Azienda Ospedaliera
Universitaria Federico II
Dermatologia Dip.to
di Medicina Clinica - Ed. 10
Via Sergio Pansini 5
80131 Napoli
Tel. 081.746.24.12 o
081.746.23.58
Accesso Lun - Ven 9 -14
Prenotazione telefonica
gratuita e anonima
4)

Linea Regionale AIDS
test anonimo e gratuito

800 019 254

 

sportellotrans_small

psico_small

sportellomilksmall

gruppo_giovani

Migra_Antinoo_logo

Freedom

percorsintegrazione

kju

freeIDnw

cittamica

loghetto

Telefono_amico_2
MAR-GIO 9-13 e 15-17

cineforum2012


ccrnew

 

Chi è online
 20 visitatori online
Antinoo Tag Cloud
IL TRIBUNALE DI NAPOLI ORDINA LA RI-TRASCRIZIONE DELL'ATTO DI NASCITA DI RUBEN: UNA GRANDE VITTORIA CONTRO LA VIOLENZA DELL'ORMAI PROSSIMO EX MINISTRO ALFANO.

La trascrizione effettuata dal sindaco di Napoli Luigi de Magistris non viola l'ordine pubblico italiano, anche alla luce delle Unioni civili tra persone dello stesso sesso, con queste motivazioni il Tribunale di Napoli, prima sezione civile, con decreto depositato oggi, ha accolto il ricorso di Daniela Conte e Marta Loi, e che ha visto l’intervento dell’Amministrazione comunale in giudizio, ed ha ordinato all’Ufficiale di Stato civile del Comune di Napoli di procedere alla ri-trascrizione dell’atto di nascita del piccolo Ruben.


ruben01

Protesta delle associazioni LGBT dopo l'annullamento del Prefetto dell'atto di nascita di Ruben

"Una grande vittoria delle associazioni LGBT, dell'Amministrazione De Magistris e soprattutto della città di Napoli - commenta il Presidente di Arcigay Napoli, Antonello Sannino - Alfano lascia, probabilmente, la poltrona nel giorno in cui il Tribunale di Napoli fa giustizia contro la violenta politica del ormai prossimo ex Ministro degli interni. E' una giornata bellissima per il nostro Paese, aspettiamo Daniela, Marta e Ruben per festeggiare tutti insieme questa meravigliosa pagina di civiltà e coraggio"

ruben02

Ruben, Marta e Daniela con i volontari di Arcigay Napoli


Ufficio stampa Arcigay Napoli

ufficiostampa@arcigaynapoli.org

e-max.it: your social media marketing partner
 
“Il muro rosa” premiato al Laceno d’oro: “una tessera importante della cinematografia lgbt”

20161206_cs_arcigay

Ieri, lunedì 5 dicembre, Antonello Sannino, Presidente di Arcigay Napoli, insieme a Giuseppina La Delfa, leader storica delle Famiglie Arcobaleno, ha consegnato presso il Cinema Partenio di Avellino il Premio Laceno d’oro nella sezione diritti civili al regista spagnolo Enrique del Pozo per il film “Il Muro Rosa”.

“El Muro Rosa/The Pink Wall” narra delle torture e delle persecuzioni di gay e lesbiche in Spagna durante la dittatura di Franco, ed è lo spunto per raccontare la discriminazione e l’omo-transfobia nel resto del mondo: i protagonisti di quell’epoca rievocano i tempi nei quali essere gay costituiva un crimine e il mondo si mostrava del tutto indifferente o rimaneva in silenzio. Un lavoro intenso e di grande sensibilità che è stato proiettato nelle Mostre di Barcellona, Firenze, Torino, Madrid, European Film Festival, Ibiza, Marbella.

Enrique Del Pozo, regista e produttore del film, è una personalità poliedrica e di grande successo della scena spagnola: attore, cantante, regista, opinionista, presentatore televisivo, produttore e sceneggiatore da sempre legato al nostro Paese: scoperto come cantante da Raffaella Carrà e Gino Landi, ha scelto come propria città Roma. Ha venduto più di 7 milioni di dischi ed ha recitato in diversi fillm di successo. Conduce il programma televisivo “The Forbidden Night” in Spagna ed ha lavorato nell’ambito dei più rilevanti programmi in onda su Mediaset, TVE e Antena 3 in Spagna ed in numerosi programmi televisivi latinoamericani.

“È stato davvero un grande onore essere invitato a premiare Enrique del Pozo - ha dichiarato Antonello Sannino - sia perché il film di Enrique è una tessera importante della cinematografia lgbt di questi anni, sia perché il Laceno d’oro è un festival di grande prestigio, creato da Pier Paolo Pasolini, il primo intellettuale dichiaratamente gay della nostra tradizione culturale”

e-max.it: your social media marketing partner
 
Dai ruoli di genere allo spettro del gender, giocattoli in mostra a San Domenico. Arcigay Napoli tra i promotori

invito-digitale_mostra2-1

In occasione del Natale 2016, l’associazione Arcigay Napoli promuove insieme al Museo del Giocatolo di Napoli, all’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e all’Università Suor Orsola Benincasa un’importante iniziativa rivolta alle scuole e tutta la cittadinanza.

Mercoledì alle 11.30 presso il Convento di San Domenico Maggiore (vicolo San Domenico Maggiore 18) sarà presentata, infatti, in conferenza stampa la mostra “Storie di giocattoli. Dal settecento a Barbie” che aprirà al pubblico giovedì 8 dicembre e resterà aperta fino al 19 marzo 2017: mesi durante il quale saranno organizzati focus di approfondimento e incontri con le scuole sul tema del giocattolo, e sui ruoli di genere.

“La mostra del giocattolo – spiega Claudio Finelli, responsabile cultura di Arcigay Napoli e Arcigay Nazionale – è una risposta al tempo stesso colta e scanzonata a chi crede ancora necessario asservire la formazione delle nuove generazioni a stereotipi obsoleti e ruoli di genere, invece di educare i più giovani alla libera creatività e al rispetto delle altrui identità”

La mostra, composta da oltre mille ‘piccoli capolavori’ del Museo del giocattolo dell’Università Suor Orsola Benincasa, è nata dalla passione collezionistica e dalla competenza di Vincenzo Capuano, docente di Storia del Giocattolo al Suor Orsola e attivista storico di Arcigay Napoli.

“Ancora oggi – spiega Capuanoun maschietto che esprima il suo desiderio di giocare con le bambole è guardato con sospetto dagli altri bambini, dagli insegnanti e dai suoi stessi genitori. Margarete Steiff, ai primi anni del Novecento, si pose il problema e lo risolse inventando l’orso balocco: un orso di peluche buffo e feroce con cui i maschietti poterono giocare come con una bambola, senza per questo contraddire il loro ‘ruolo di genere’, cioè le aspettative comportamentali dei loro genitori e della società. La sorte del Pinocchio balocco fu molto simile: con quel buffo ragazzino di legno le ragazzine si identificarono, rompendo coi rigidi canoni di perfezione in cui i modelli educativi femminili ottocenteschi le avevano segregate”

“In un mondo complesso – conclude Capuano – l’educazione alla diversità è l’unica vera via verso un futuro di benessere e di pace. È da questa consapevolezza che la voglia di realizzare questa mostra è cresciuta. D’altro canto, al di là dell’aspetto teorico, mi sembra impossibile separare la grande passione per il giocattolo antico dalla mia esperienza di militanza nel movimento gay. Il mondo del giocattolo fa capo a qualcosa di ancestrale e profondo, ha radici nel rapporto con i genitori, riguarda i ruoli che assumiamo nelle relazioni umane, le posizioni di potere, la nostalgia, la bellezza, la memoria. Le medesime categorie dell’amore, il più bello dei giochi”

“Storie di giocattoli. Dal settecento a Barbie” è realizzata in collaborazione con Accademia delle Belle Arti, Mostra didattica sulla contraffazione del giocattolo, Camera di Commercio, SImpresa, Confindrustia Napoli, Unione degli industriali di Napoli, Università Federico II, Procura della Repubblica di Napoli, Agenzia delle dogane e dei monopoli, Guardia di Finanza di Napoli, Arte'm organizzazione, comunicazione, editoria e servizi museali.

 

Storie di giocattoli. Dal settecento a Barbie
Convento di San Domenico Maggiore
Vico San Domenico Maggiore - Napoli
8 dicembre 2016 > 19 marzo 2017

e-max.it: your social media marketing partner
 

Arcigay NapoliIl Comitato Provinciale Arcigay Antinoo di Napoli ONLUS, organizzazione di volontariato, iscritta al registro regionale del volontariato, è “nata“ il 22 ottobre 2005, ma Arcigay è attiva a Napoli dal 1984. L'associazione ha fini solidaristici, di volontariato sociale ed opera con l'azione diretta, spontanea, personale e gratuita dei propri aderenti nel settore della tutela dei diritti civili, della prevenzione e recupero dell'emarginazione, della promozione della cultura e di attività ricreative. Si impegna nella promozione dei diritti delle persone gay, lesbiche, transessuali e transgender contribuendo ad accrescere nella società una visione positiva dell'essere omosessuale o transessuale. Come supporto alla comunità LGBT napoletana svolge i seguenti servizi: Sportello Legale, Telefono Amico, supporto- socio-Psicologico, Sportello Salute, Migranti.

Nella nostra sede, aperta alla partecipazione ed al contributo di tutti e tutte le, puoi trovare il Gruppo Giovani, Gruppo Lesbo, Gruppo Trans, Gruppo Genitori. Per qualsiasi informazione Contattaci.
Ricorda che Arcigay Napoli cresce grazie all'aiuto dei volontari, quindi anche col tuo se vorrai.

Per tesserarsi ad Arcigay clicca qui.

 

e-max.it: your social media marketing partner
 
 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information