Cultura

 

Giovedì 27 Aprile


ore 18.30

                         

Chiaja Hotel De Charme – via Chiaia 216

 

POETE’ per Lampedusa



PERCHE’ QUI LA CULTURA E’ DI CASA

Presenta

LUMINUSA

di Franca Cavagnoli (Frassinelli)

 

Interverranno:

 

Franca Cavagnoli

 

Carmen Ferrara

(Arcigay Napoli)

 

Massimo Pastore

(fotografo)

 

Modera Claudio Finelli

 

Lopadosa, Lipadusa, Lampedosa. Il nome deriva da una radice greca che significa luce, fuoco. Così mi ha detto qualche giorno dopo il responsabile dell'archivio storico dell'isola. A poco a poco m'è entrata sotto la pelle. Così com'era. Luminusa." Ha un nome che evoca la luce, il fuoco, e nelle giornate limpide ti sembra di percepire la grana dell'aria - argento puro. In fondo al suo mare, che ha tutte le sfumature del verde, dell'azzurro e del blu, giacciono ventimila morti senza nome, ammazzati. Di loro restano a volte tracce dilavate dalla salsedine: un sandalo infradito a rombi bianchi e neri comprato al mercato di Sfax, la foto di una sposa dalla pelle nerissima in abito di pizzo bianco, un rotolo di lettere in tigrino, una cassetta di Bob Marley. Ed è qui, a Lampedusa, che Mario, con malinconica determinazione, è venuto ad affrontare il suo segreto senso di inappartenenza e l'incertezza del futuro. Come se raccogliere quelle tracce in un minuscolo museo e salvaguardarne la memoria con didascalie in versi scritte su fragile carta velina potesse rendere più tollerabile la disillusione. Come se solo a Lampedusa, crocevia di destini, di strazio e di solidarietà, fosse possibile rispecchiarsi in chi ha osato cercare la salvezza su un barcone, e tornare a sperare. Con "Luminusa", Franca Cavagnoli ci costringe a guardare con altri occhi alla terra promessa di Lampedusa, alle tragedie e agli sbarchi che affollano le cronache: per scoprire, guidati dalla voce limpida e ribelle di Mario, la nostra, comune e universale, condizione di migranti.

 

Info 349.4784545
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’amore dietro ogni cosa

di Simone Di Matteo

 

Venerdì 21 aprile alle ore 17,30 presso il Teatro Bellini, uno dei teatri storici di Napoli, elegantissima cornice senza tempo, Simone Di Matteo, dal reality on the road di RaiDue Pechino Express (in coppia con Tina Cipollari) a Furore, passando per un premio letterario, tornerà a parlare d’amore indossando la sua veste migliore, quella dello scrittore.

 

Fabio Massa presenta il film

"AeffettoDomino"

al Cinema la Perla Napoli

 

Dopo il successo di critica e di pubblico, sarà proiettato a  Napoli,  al Cinema La Perla, Giovedì 6, venerdì 7, Mercoledì 12 ore 21,00 e 22,50, il film “Aeffetto Domino” diretto e interpretato da Fabio Massa. Prodotto da Goccia Film e Pragma. Il protagonista, Lorenzo, vede sconvolta la propria vita a causa di una melanoma in fase avanzata che provoca un effetto domino che investe il rapporto con il suo ex compagno, con la sua famiglia e con tutti i suoi affetti.

 

Mercoledì 5 Aprile 2017

alle ore 17:30

presso la libreria Mooks - Mondadori Bookstore

(Piazza Vanvitelli 10A, Vomero)

Vincenzo Restivo presenta il suo nuovo romanzo

 

"La Santa Piccola"

(Milena Edizioni)

 

Ospite dell'appuntamento letterario, oltre all'autore e all'editore Moreno Casciello, il responsabile cultura  dell'Arcigay Claudio Finelli.

 

 E’ morto Gilbert Baker: creò la bandiera simbolo della comunità gay nel 1978

di Marco Assante

Rosso come il sangue che ci rende vivi, arancione come la salute, giallo come il sole, verde il colore della natura, il blu della serenità, il rosa come la sessualità, il viola il colore dello spirito e il turchese della magia. Tutti questi colori assieme racchiudono l’immensa luce dell’arcobaleno. Ovviamente non c’è spazio per il nero della notte, il grigio della tristezza e il bianco dell’assenza.

La bandiera arcobaleno, talvolta chiamata "bandiera della libertà" (freedom flag), è stata usata come simbolo dell'orgoglio gay, lesbico e trans dagli anni ottanta. I colori simboleggiano l'orgoglio e i diritti lgbt. Ebbe origine negli USA, ma ora è usata in tutto il mondo.