Cultura

bildschirmfoto_2016-03-31_um_12.48.37

LUNEDÌ 02 MAGGIO 201618:00 >

GIUS GARGIULO: NAPLES, VILLE TRAVESTIE

I LUNEDÌ DELLA MEDIATECA

Presentazione libro ed incontro con l’autore

GIUS GARGIULO

Naples, ville travestie entre Pasolini et Patroni Griffi
Michel Houdiard, Ed., 2015

Napoli, città orientale ed europea, ed in seguito italiana, nel corso della sua storia plurimillenaria, si presenta sotto il segno di una seducente ambiguità, come città liminale, tra cielo e terra, tra marginalità e centralità, luogo travestito di virilità matriarcale e di dolcezza efebica mediterranea. La città sembra l’insediamento d’una tribù restata pura e preservata attraverso il tempo, come l’aveva evocata Pasolini nelle sue opere e soprattutto nel suo Decamerone, girato a Napoli con degli attori napoletani e in “lingua” napoletana agli inizi degli anni 1970. Eppure alla stessa epoca, Napoli si mette in scena, visibilmente eccitante come New York. Prima località “me ne fottista”, postmoderna, secondo la visione artistica del drammaturgo, romanziere e cineasta, Giuseppe Patroni Griffi. Questo libro traccia una riflessione su Napoli e la sua identità antropologica “travestita”, attraverso gli aspetti contradittori del Decamerone “napoletano” di Pasolini e le opere di Patroni Griffi, centrati sul personaggio del femminiello-travestito.

I «femminielli»: così vengono chiamati i travestiti vivendo nel centro storico di Napoli, ricordando l’origine greca della città, in una specie d’ambiguità erotica e socioculturale. Rimettono in causa, in maniera teatralizzata, le regole di comportamento stabilite dalle norme.

Presentazione di: Annalisa Aruta Stampacchia

docente di Lingua e linguistica francese Università degli Studi Federico II di Napoli

Interventi:

Fortunato Calvino drammaturgo e regista

Mariano D'Amora Royal Holloway, University of London

Paolo Valerio docente di Psicologia Clinica alla Federico II

e Direttore della Fondazione Genere Identità Cultura

Antonello Sannino Presidente Arcigay Napoli

Coordinatore: Claudio Finelli

In collaborazione con Poeté Arcigay Napoli

Gius Gargiulo, narratologo, cineasta e drammaturgo, è docente universitario presso l’UFR LCE e il Laboratorio MoDyCo/CNRS dell’Università Paris Ouest Nanterre La Défense. Le sue ricerche riguardano la letteratura erotica diffusa «sottobanco» nel XVIII secolo, le opere di Giacomo Casanova de Seingalt, le modalità narrative cinematografiche, multimediali e gli studi italiani.
Ha tradotto e pubblicato:
l’edizione critica del Polémoscope di Casanova (Edizioni dell’Orso, 2003); 
Terrorismes : l’Italie et l’Allemagne à l’épreuve des années de plomb, in collaborazione con Otmar Seul (Houdiard 2008); 
Transductions: du western américain au western italien (Attal 2011);
Langue, langage et codes narratifs des sagas (Attal 2013);
Footsophie (Houdiard 2014
12965961_10153389541677001_1893693179_n
VENERDì 15 APRILE 2016
ORE 18.30

Chiaja Hotel De Charme – via Chiaia 216

POETE’

NELLA VITA E’ QUESTIONE DI EQUI-LIBRI

Presenta

CHIAMATEMI PAOLA RICCORA
di
MARIAGIOVANNA GRIFI

INTERVERRA’:
MARIAGIOVANNA GRIFI
DONATELLA GALLONE (editore)
COORDINA CLAUDIO FINELLI
Letture di CRISTINA DONADIO

Napoli, 1916. Una signora dell'alta borghesia, un'innovativa scrittura per il teatro e un'identità celata. Questi gli elementi principali della "doppia vita" di Emilia Vaglio che, sposata a Caro Capriolo, noto avvocato sostenitore del diritto d'autore e fondatore della SIAE a Napoli, si destreggia tra famiglia e arte separando nettamente pubblico e privato: a casa, moglie e madre affettuosa, esempio di integrità morale per chiunque la conosca; a teatro, autrice di testi osé derivati dalle scandalose pochade francesi. Inizialmente non le rimane che nascondersi dietro lo pseudonimo maschile di Paolo Riccora, per poi essere riconosciuta e rivelarsi, infine, come Paola attraversando quasi un secolo di teatro da protagonista. Su loro richiesta scrive per Eduardo De Filippo e Raffaele Viviani, le sue commedie vengono recitate dalle compagnie più rinomate dell'epoca in cui figurano attori del calibro di Carlo Pretolani, Dina Galli, Ettore Petrolini e Paola Borboni. Intellettuale appassionata e femminista inconsapevole, stimata da Luigi Pirandello e Matilde Serao, omaggiata dalla penna di critici quali Renato Simoni, Vittorio Paliotti e Antonio Ravel, dopo la sua morte, nel 1976, Paola Riccora viene completamente, incomprensibilmente, dimenticata. Questo libro mira a riportare alla luce la vita e l'arte di una donna scrittrice del secolo scorso, non solo per renderle onore, ma per contribuire a individuare per lei un giusto posto nella storia del teatro italiano.


Ingresso Libero

Per Info
349.4784545
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
humanfototancredi

" HUMAN (P)RIGHTS vuole combattere lo stereotipo e il pregiudizio e lo fa attraverso i volti di chi, ogni giorno ci mette la faccia per dire BASTA all'omotrans fobia.
90 scatti ripresi durante i pride di Napoli e Foggia per raccontare una realtà non più formata solo da persone omosessuali o trans bensì anche da eterosessuali che non discrimina, non allontana, non marginalizza ma include, integra e accetta la 'diversità'
(Marco Tancredi)

 

12980631_10153389509692001_1326076604_n

 

MERCOLEDì 13 APRILE 2016
ORE 18.30

Chiaja Hotel De Charme – via Chiaia 216

POETE’

NELLA VITA E’ QUESTIONE DI EQUI-LIBRI

Presenta

NON C’E’ LABIRINTO PIU’ CHIARO
di
SALVADOR ESPRIU

INTERVERRANNO:

NURIA PUIGDEVALL (Docente di Letteratura Catalana)

ANTONIO MARCHESE (Editore)

COORDINA CLAUDIO FINELLI

Letture di FRANCESCO DALL’AGLIO

L'antologia "Non c'è labirinto più chiaro" contiene un'ampia selezione dell'opera di Salvador Espriu che permette al lettore di compiere un significativo itinerario nell'originale e complesso universo di uno dei maggiori poeti catalani contemporanei, ancora poco conosciuto in Italia. Il dettato di Espriu, frutto di una depurata elaborazione formale e basato su una simbologia di ispirazione veterotestamentaria, propone, nell'orizzonte letterario europeo, una poetica decisamente non convenzionale, che congiunge un'espressione marcatamente lirica con una potente vena civile.


Ingresso Libero

Per Info
349.4784545
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

f t g