Cultura

12513622_1560184224301492_6165854433777158935_o

MERCOLEDì 27 GENNAIO 2016

ORE 18.30

Chiaja Hotel De Charme – via Chiaia 216

POETE’

NELLA VITA E’ QUESTIONE DI EQUI-LIBRI

Presenta

PRESIDENTE

LA MIA E’ UNA FAMIGLIA

di ROSARIA IARDINO

12471809_1666035510303588_5781991433585551950_o

 

 

MARTEDì 26 GENNAIO
ore 18.30

NEAPOETRY, ARCIGAY NAPOLI e ARCIGAY CAMPANIA

presentano
LA SUPPLICA DI BRAHMA

di Mariano Lamberti

Interverranno:

Mariano Lamberti

Luigi Romolo Carrino (scrittore)

Coordina Claudio Finelli

Letture di Cinzia Mirabella

Introdotto dalle sentite parole di Filippo La Porta La supplica di Brahma è “la struggente preghiera mistica” con cui Lamberti si fa “macchina da scrivere dell’universo”.

Se da un lato il titolo richiama una scena archetipica della tradizione indiana – quando Buddha, appena “illuminato” dopo la meditazione sotto il grande albero, coglie la supplica di Brahma, creatore dell’universo, e torna dagli uomini per donare la sua rivelazione del dhamma (dottrina) –, l’autore ricorda, attraverso versi e parole, che Buddha, di fronte alla grande sofferenza dell’umanità, cede alla supplica preso da compassione.

Dolore e scoperta vengono presentati e studiati come sofferenze rafforzate dalla spinta vitale, non per mode o sentito dire, ma grazie a una profonda esperienza nello studio e nella meditazione da anni praticati dall’autore.

Così Mariano Lamberti presenta il suo itinerario affettivo, le sue pene d’amore perdute, la sua personale scoperta delle quattro “sofferenze” della vita, proprio come il giovane principe Siddharta uscito un giorno dal palazzo reale della nostra autoillusione.


L’evento avrà luogo presso il Caffè Letterario

IL TEMPO DEL VINO E DELLE ROSE - Piazza Dante 44/45


L'immagine grafica dell'evento è a cura di Luciano Correale

 

 

12540460_10153205120607001_2091877454_n

 


GIOVEDì 21 GENNAIO 2016

ORE 18.30

 

Chiaja Hotel De Charme – via Chiaia 216

 

POETE'

NELLA VITA E’ QUESTIONE DI EQUI-LIBRI

 

Presenta

 

LA BUONA LEGGE DI MARIASOLE

di LUIGI ROMOLO CARRINO

 

 

 

INTERVERRANNO:

 

LUIGI ROMOLO CARRINO

 

MARIO GELARDI (drammaturgo e regista)

 

LETTURE DI CARLO CARACCIOLO

 

COORDINA CLAUDIO FINELLI

 

Mariasole Simonetti stringe la mano del figlio mentre segue il carro funebre che sta accompagnando suo marito Giovanni Farnesini al cimitero di Poggioreale. Nel lungo tragitto, tra il rumore delle serrande dei negozi chiuse a metà per rispetto e il dolore che la spezza in due, Mariasole ripercorre gli eventi che l’hanno portata fino a questo tragico momento. Il cadavere di Giovanni, figlio del boss Don Antonio Farnesini, è stato trovato sugli scogli di Mergellina. La sua colpa è di aver violato la legge più importante del giuramento del clan Acqua Storta: «Un camorrista deve sempre ragionare con il cervello, mai con il cuore».

Con il padre in carcere e il suocero latitante, l’equilibrio delle forze interne alla federazione Simonetti-Farnesini è minacciato. Spetta a Mariasole prendere le redini del clan e l’investitura le arriva dalla matriarca di Procida, Angela, madre naturale di Don Antonio e donna dai mille segreti. Non è questa la vita che Mariasole aveva scelto per sé e per suo figlio Antonio, ma non può decidere altrimenti. Costretta così a diventare capoclan della federazione, Mariasole con lucida ferocia usa la femminilità come un veleno per intossicare il destino del figlio, futuro erede al comando per diritto e dovere di nascita, e preservarlo quindi da una sorte per lui già tracciata. Perché la donna di camorra è soldatessa dormiente fino a quando non c’è necessità di svegliarsi, e fa paura, proprio come l’ombra silenziosa del Vesuvio che incombe sul golfo, un colosso apparentemente spento ma pieno di lava, pronto a eruttare in qualsiasi momento.

 

 

Ingresso Libero

 

Per Info

349.4784545

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


28380-1-1
ntS’ | Nuovo Teatro Sanità

presenta

16 e 17 gennaio

una produzione Bananas

Fullin legge Fullin
Spettacolo leggermente autoreferenziale

di e con
Alessandro Fullin

testi di Alessandro Fullin e Mario Angioni
Info e prenotazioni:
3396666426
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Il 16 e il 17 gennaio, il palco del Nuovo Teatro Sanità ospita Alessandro Fullin, in Fullin legge Fullin - Spettacolo leggermente autoreferenziale. Lo spettacolo, per la prima volta in scena a Napoli, è scritto dallo stesso Fullin e da Mario Angioni ed è una produzione Banans.
L’attore e scrittore triestino, noto al grande pubblico per la partecipazione al programma Zelig nei panni di un'archeologa che insegna una antichissima quanto surreale lingua, ha concepito, con la sagacia che caratterizza il suo spirito, un monologo in cui raccontarsi attraverso l'arte che più ama, la scrittura.
Le parole delineano, a poco a poco, il ritratto di un uomo che molti definiscono "solamente comico". Si così passa dalla lettura della lista della spesa alle lettere d’amore, attraversando tutti gli stati d’animo. Nel tentativo di ripercorrere la sua vita, Fullin mette in piedi un’altalena di emozioni che va da attimi di puro divertimento a momenti dall’accento più malinconico, mostrandosi eccentrico e sensibile agli occhi degli spettatori.

Note allo spettacolo:
Alessandro Fullin si racconta attraverso l’attività che più ama: scrivere.
Dalla lista della spesa agli spensierati aforismi, dalle lettere d’amore alle mail mai inviate, il ritratto di un uomo che molti percepiscono come un comico non vedendolo per quello che realmente è: una missionaria.
Gli anni passano e le carte aumentano: se ci fosse un ventilatore questo spettacolo sarebbe un’opera di Boltanski. Anche per il tono, che ha momenti di assoluta comicità e di tristezza fulminante, un po’ come i tweet che Fullin ogni giorno, alle 9.00 a.m., lancia ai suoi followers.
Solo sul palco, per 60 minuti, Fullin si legge per tentare di trovare un filo logico in una vita che ha fatto il possibile per essere un gomitolo che anche Arianna avrebbe difficoltà nel dipanare.



Programmazione:
sabato 16 gennaio, ore 21.00
domenica 17 gennaio, ore 18.00
Nuovo Teatro Sanità, piazzetta San Vincenzo 1, Rione Sanità – Napoli
140116

DO NOT DISTURB è un libro che raccoglie i testi di alcuni episodi del fortunato format teatrale il format teatrale, ideato da Mario Gelardi, che ha trasforma le camere d’albergo in veri e propri palcoscenici.

Con la creazione del format teatrale Do Not Disturb, - dichiarano Finelli e Gelardi - abbiamo pensato di condurre gli spettatori all’interno di camere d’albergo, trasformandoli, loro malgrado, in indiscreti ficcanaso che osservano tranche de vie colte nel pieno del loro svolgimento. Come fantasmi che scrutano, senza essere visti. O come intrusi astanti a ridosso di un set cinematografico. Con l’occhio magico fisso sulla fantasmagorica fenomenologia della vita. Tutte storie verosimili, quelle che abbiamo scritto per Do Not Disturb, alla base delle quali c’è un principio sacrosanto: le cose non sono mai come sembrano essere. I rapporti di relazione tra le persone non sono mai quelli che abbiamo immaginato. I legami e gli affetti seguono traiettorie e percorsi irripetibili, singolari, unici. Sorprendenti.

il libro è realizzato in collaborazione con il Grand Hotel Parker's.

Ingresso Libero

Per Info

349.4784545

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

f t g