Cultura

181214
Dopo il successo di “Scimmie”, romanzo di formazione nato dalla dura esperienza di vita dell’autore la cui famiglia è stata legata a doppio filo con la camorra, Gallo propone un romanzo che intreccia la tematica della criminalità organizzata a quella dell’immigrazione: una donna di nome Andrea ha imparato a guardare, dal punto più alto il suo mondo, il Villaggio Coppola e la Domitiana, fino a quando non inizia il suo viaggio verso Pozzallo, verso l’amore, verso una spiaggia abituata a ricevere cadaveri. Andrea è una donna che urla, bacia e guarisce tutti, una donna che si spoglia davanti agli uomini e davanti al mare, pur di non rinunciare alla libertà e alla bellezza dell’esistenza.

Il Comitato Arcigay Antinoo di Napoli si congratula con Fortunato Calvino, compagno di militanza ed entusiasta sostenitore delle lotte di rivendicazione dei diritti delle persone lgbt, per la vittoria del Premio di Drammaturgia Ruccello, prestigioso riconoscimento che ha concluso lo Stabia Teatro Festival 2014.

Il riconoscimento, tributato a Fortunato Calvino, uomo di teatro da sempre sensibile alle urgenze delle minoranze e alle tematiche del sociale, risulta ancora più significativo in quanto coglie appieno, secondo il Comitato Arcigay Antinoo di Napoli, l’alto ed encomiabile ruolo di testimone della contemporaneità che l’autore e regista napoletano svolge, con onestà e passione, fin dagli esordi della sua attività.

Ancora una volta, grazie al Premio Ruccello, l’eccellenza della cultura napoletana si afferma sotto il segno dell’uguaglianza, coniugandosi e conciliandosi con la particolare disposizione dell’artista a raccontare le storie, gli amori e i drammi di chi, purtroppo, vive ancora una condizione di stigma e di discriminazione per la propria identità di genere e per il proprio orientamento sessuale.

Antonello Sannino
Presidente Arcigay Antinoo Napoli

Claudio Finelli
Delegato cultura per il Comitato Arcigay Antinoo di Napoli

fortunatocalvinoruccello

f t g