Iniziative

13 GIUGNO 2016

ORE 20:00

PIAZZA DELLA REPUBBLICA - CONSOLATO DEGLI STATI UNITI A NAPOLI

FIACCOLATA IN MEMORA DELLE VITTIME DELLA STRAGE DI ORLANDO.

Anche a Napoli la comunità LGBT si mobilita con una fiaccolata per ricordare le vittime della violenza di Orlando.
A prescindere dalle reali motivazioni che hanno armato la mano del killer di origini afgane, è innegabile la matrice decisamente omofobica della strage come è innegabile il fatto che la componente islamica, di sospetta vicinanza all'Isis, abbia potuto suggerire l'orribile natura dell'eccidio. D'altronde, solo qualche giorno fa, un altro attentato aveva colpito il cuore di Tel Aviv, a poche ore dal Gay Pride più importante dell'Asia e del mediterraneo. Ci troviamo, forse, di fronte ad una recrudescenza di violenza contro la comunità LGBT e contro i luoghi che accolgono e includono le persone omosessuali, lesbiche, bisessuali e transessuali? Questo interrogativo, unito allo stato di profonda prostrazione in cui tutti versiamo dopo l'omicidio di massa in Florida, suggerisce l'urgenza di stringerci intorno alle nostre amiche e ai nostri amici statunitensi per rimarcare la condivisone dei valori occidentali di libertà, democrazia e uguaglianza e gridare all'unisono un NO deciso alla brutalità, al sessismo e alla violenza di genere in tutte le sue forme e declinazioni.

EVENTO FACEBOOK

130616

comunicato stampa 11/5/2016

X Giornata Internazionale contro l’omotransfobia:

una settimana di eventi rivolti a tutta la cittadinanza

Anche quest’anno, com’è ormai tradizione, il 17 maggio si celebrerà la Giornata Internazionale contro l’Omofobia, giunta alla decima edizione (è stata istituita, infatti, ufficialmente nel 2007), che ha come scopo quello di sensibilizzare, prevenire e contrastare il fenomeno dell’omofobia, della bifobia e della transfobia.

Arcigay Napoli celebrerà l’evento con una serie di inziative che si svolgeranno dal 15 al 22 maggio. In particolare, per il terzo anno consecutivo, il Maschio Angioino tornerà ad illuminarsi di rosa e, per la prima volta, dello stesso colore sarà illuminato anche il colonnato di piazza del Plebiscito.

Ad inaugurare la serie di eventi saranno la veglia in memoria delle vittime dell’omofobia e della transfobia presso la Chiesa Valdese (domenica 15 maggio, ore 18.00) e la mostra fotografica “HUMAN (P)RIGHTS” nella Casina Pompeiana in Villa Comunale (lunedì 16 maggio).

Martedì 17 maggio nel corso della giornata si terranno presidi e banchetti informativi sia presso il Servizio Antidiscriminazione e Cultura delle Differenze del Centro di Ateneo SInAPSi che presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università Federico II mentre Radio F2, la Radio di Ateneo diffonderà una trasmissione speciale. In serata, invece, si svolgerà uno speciale Poetè coordinato da Claudio Finelli in cui sarà presentato il libro “Vodka & Inferno” di Penelope Delle Colonne (Chiaja Hotel, 18.30).

Eventi saranno dedicati ai ragazzi (con la proiezione del film “Un bacio” di Ivan Cotroneo al Cinema La Perla di Agnano, giovedì 19 maggio) e ai bambini (con la partecipazione al festival internazionale della fiaba, “Un paese incantato”, venerdì 20 maggio) mentre il Comitato Arcigay Antinoo di Napoli intitolerà il proprio centro di documentazione all’attore Paolo Poli, recentemente scomparso (venerdì 20 maggio).

A chiudere il ciclo di eventi sarà, domenica 22 maggio, la maratona contro l’omotransfobia, non competitiva e aperta a tutta la cittadinanza, che partirà dalla rotonda Diaz.

Sono contento – dichiara a tal proposito Antonello Sannino, presidente di Arcigay Napoli e responsabile nazionale sport Arcigay – che a pochi giorni dalle celebrazioni del 17 maggio, il CONI abbia annunciato la modifica del proprio Statuto con l’inserimento di un esplicito riferimento al contrasto all’omotransfobia come più volte da noi chiesto in passato”.

17maggioCalendario

150516 170516 190516

200516 220516

image1

L'approvazione di una mediazione al ribasso non è un punto di arrivo da festeggiare, ma uno stimolo a ripartire. Sebbene si tratti di un primo riconoscimento, di un primo passo, la nostra battaglia deve essere fortemente rilanciata ed avere come obiettivo la piena uguaglianza di tutt*. Avviamo in Italia una #primaveradeidiritti una stagione che ci porti al #MatrimonioEgualitario. Per questo Sabato 5 Marzo 2016 saremo tutt* a Roma in Piazza del Popolo.

Arcigay Napoli organizza Autobus con partenza ore 10.00 da Varco Pisacane (Via Marina incrocio Via Duomo) costo € 10 A/R ritorno in serata dalle 20 circa.


EVENTO FACEBOOK

qr_3marzoFB

I Biglietti sono acquistabili anche online:

http://www.arcigaynapoli.org/shop.html?page=shop.product_details&flypage=eny_fly_list.tpl&product_id=25&category_id=5

biglietti_bus

Mercoledì 24 Febbraio alle ore 16 riprenderà in Senato la discussione sulle Unioni Civili. Dunque Tutti/e a Roma!
Le associazione LGBT organizzano vari bus con partenza alle ore 11.30 dal Varco Pisacane (altezza Via Duomo). Ritorno previsto in serata dalle 20.
Costo a persona 8€ andata e ritorno.
Per info: 081.522.88.15 - 349.75.84.462 www.arcigaynapoli.org


EVENTO FACEBOOK

Si chiede ai partecipanti di portare con se qualcosa di visibile e che faccia rumore.

I Biglietti sono acquistabili anche online:
http://www.arcigaynapoli.org/shop.html?page=shop.product_details&flypage=eny_fly_list.tpl&product_id=24&category_id=5

23gen16Anche Napoli si unirà alla mobilitazione nazionale indetta dalle associazioni LGBT (Arcigay, ArciLesbica, Agedo, Famiglie Arcobaleno, Mit) in tante piazze del paese, per raccontare l’uguaglianza e dare forza al traguardo della piena parità di diritti.

In vista della discussione al Senato del ddl sulle unioni civili, le associazioni LGBT campane, lanciano compatte la manifestazione regionale che vedrà il corteo partire da Piazza Carità, con concentramento sabato 23 gennaio alle ore 17:00 ed arrivo in Piazza Plebiscito per gli interventi.

Anche a Napoli si scenderà in piazza per l’uguaglianza. Manifesteremo per il matrimonio egualitario e la piena parità di diritti per le persone gay, lesbiche, bisessuali, transessuali e intersessuali di questo paese. Manifesteremo perché l’attuale testo sulle unioni civili in discussione al senato venga approvato così come proposto. Questa legge sulle unioni civili, che parte già come mediazione al ribasso, è il risultato minino che vogliamo portare a casa e ogni ulteriore modifica al ribasso non solo non ci interessa, ma sarà da noi aspramente combattuta.
Il prossimo 23 gennaio sarà una giornata di mobilitazione nazionale. Stiamo lavorando sul territorio, coinvolgendo sia le forze della società civile sia il mondo associativo, per costruire le reti necessarie per far esprimere a gran voce la domanda di diritti e di uguaglianza che in questo Paese da troppo tempo rimane inascoltata. Non parleremo di una legge, bensì di un valore, cioè dell’uguaglianza di tutti e tutte, e del diritto di vivere in uno Stato laico. Staremo assieme alle famiglie, a tutte le famiglie. Assieme alle persone.
Questo l’appello che la manifestazione vuole lanciare a Governo e Parlamento:
"L’Italia è uno dei pochi paesi europei che non prevede nessun riconoscimento giuridico per le coppie dello stesso sesso. Le persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali non godono delle stesse opportunità degli altri cittadini italiani pur pagando le tasse come tutti. Una discriminazione insopportabile, priva di giustificazioni.
Il desiderio di ogni genitore è che i propri figli possano crescere in un Paese in cui tutti abbiano gli stessi diritti e i medesimi doveri.
Chiediamo al Governo e al Parlamento di guardare in faccia la realtà, di legiferare al più presto per fare in modo che non ci siano più discriminazioni e di approvare leggi che riconoscano la piena dignità e i pieni diritti alle persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali, cittadini e cittadine di questo Paese.
La reciproca assistenza in caso di malattia, la possibilità di decidere per il partner in caso di ricovero o di intervento sanitario urgente, il diritto di ereditare i beni del partner, la possibilità di subentrare nei contratti, la reversibilità della pensione, la condivisione degli obblighi e dei diritti del nucleo familiare, il pieno riconoscimento dei diritti per i bambini figli di due mamme o di due papà, sono solo alcuni dei diritti attualmente negati.
Questioni semplici e pratiche che incidono sulla vita di milioni di persone.
Noi siamo sicuri di una cosa: gli italiani e le italiane vogliono l’uguaglianza di tutte e di tutti."