Articoli Generali

COVID - 19: I POVERI NON POSSONO LAVARE LE MANI, LA LEGGE NEGA L’ACCESSO ALL’ACQUA

PER LE NAZIONI UNITE È UNA VIOLAZIONE DEI DIRITTI UMANI

 

Antinoo Arcigay Napoli sostiene la petizione, firma anche tu: 

https://petizione.kethane.digitribe.me/accesso-all-acqua

Il consorzio XENIA, rappresentato dal centro di Ateneo Sinapsi dell'Università degli Studi di Napoli "Federico II", ha partecipato alla riunione dei coordinatori del progetto EACEA il 12 e 13 febbraio 2020.
La due giorni ha offerto ai coordinatori l'opportunità di condividere e identificare le sfide e le possibili soluzioni che potrebbero supportare l'implementazione del progetto. In particolare, è stata una fruttuosa occasione per divulgare gli obiettivi del progetto Xenia, ampliare la rete con altri partner europei e rafforzare la visibilità del progetto nell'ambito dell'azione chiave 3: sostegno alla riforma delle politiche.


 
XENIA è implementato da un consorzio di 7 partner provenienti da 5 paesi europei (Italia, Irlanda, Slovenia, Grecia e Spagna). Il progetto svilupperà uno strumento innovativo e integrato che supporterà gli istituti di istruzione superiore europei -HEIs- nella valutazione del livello effettivo di inclusività del loro ambiente e nell'individuazione di tutti gli sforzi che possono essere fatti per affrontare al meglio le esigenze delle persone appartenenti a minoranze sessuali e di genere emarginate e garantire i loro diritti fondamentali e le loro opportunità accademiche.

#XENIA #inclusione #uguaglianza #ErasmusPlus #europa

The XENIA consortium represented by Sinapsi of University of Naples “Federico II” attended the EACEA Project Coordinators' Meeting on 12th and 13th February 2020.
The 2-day meeting gave coordinators the opportunity to share and identify the challenges and possible solutions that could support the project implementation. In particular it was a fruitful chance to disseminate the objectives and the goals of Xenia project, enlarge the network with other colleagues from Europe and boosting the visibility of the project within Key Action 3: Support for policy reform.


XENIA is implemented by a consortium of 7 Partners from 5 European countries (Italy, Ireland, Slovenia, Greece and Spain). Xenia will develop an innovative and integrated tool that will support European higher education institutions -HEIs- in evaluating the actual level of inclusiveness of their environment and in identifying any efforts that can be placed to best address the needs of sexual and gender marginalized groups and ensure the protection of their fundamental rights and academic opportunities.

#XENIA #socialinclusion #genderequality #EACEA #EUCommission.

Quest’anno, grazie alla cortese disponibilità della dott.ssa Maria Luisa Palma, direttrice della Casa Circondariale G.Salvia Poggioreale- Napoli, è stato possibile realizzare, con ente promotore CPIA NAPOLI CITTÀ 2 e con la collaborazione dell’Associazione Telefono Azzurro C.A.M. Napoli, il progetto sulla responsabilità genitoriale “ESSERE PADRE DA DENTRO” che ha visto coinvolti  12 detenuti del Padiglione Avellino (Alta Sicurezza)  e che si concluderà il 12 dicembre 2018. Attraverso esso, si  è cercato di fornire ai ristretti su indicati, degli strumenti atti a permettere loro di veicolare messaggi e valori significativi, o almeno tali, da consentire ai propri figli di non dover vivere “un destino già segnato”. Le finalità del progetto sono state quelle di  restituire centralità alla dimensione socio-affettivo del detenuto dentro e fuori il carcere, mediante iniziative volte: a tutelare prioritariamente i legami familiari; a fornire nuove competenze, strategie educative, informazioni psico-pedagogiche in merito al rapporto genitori/figli;  a “educare” ad una “reale”  consapevolezza del proprio ruolo, anche se a distanza, per rendere più “matura ed adeguata” la  responsabilità formativa nella trasmissione di modelli comportamentali ai propri figli.

 I fautori dell’iniziativa in oggetto: la prof.ssa R.A. Luiso, dirigente scolastico del CPIA Napoli città 2, l’ing. E.Venditti, presidente ass. Telefono Azzurro C.A.M. Napoli, la prof.ssa A.Musumeci ex docente del CPIA Napoli città 2, la prof.ssa M.Sapio, docente del CPIA Napoli città 2 e la dott.ssa M. Preziuso, consulente psico-pedagogico, auspicano di poter estendere, in un prossimo futuro, le riflessioni sulla genitorialità consapevole anche all’omoaffettività ossia alla possibilità di provare a destrutturare i binarismi di genere attraverso un confronto sereno sulle nuove famiglie e sull’omogenitorialità, fidando nelle consolidate relazioni fra Casa Circondariale di Poggioreale, il Comitato Arcigay Antinoo di Napoli, il Centro di Ateneo Sinapsi dell’Università Federico II di Napoli, La Fondazione GIC nonché il CPIA Napoli città 2 e il Telefono Azzurro C.A.M. di Napoli. Un obiettivo ambizioso e di notevole avanguardia culturale che potrebbe sicuramente dar vita,  all’interno dell’Istituto penitenziario di Poggioreale, ad un laboratorio di innegabile rilevanza sul piano della crescita sociale e emotivo-relazionale. 



arcigaynapoli

È organizzata da Arcigay Napoli, con lo Scampia Rugby, una raccolta di beni di prima necessita a favore delle vittime del violento terremoto che ha colpito il centro Italia. La raccolta avrà luogo presso la nostra sede in vico San Geronimo 17 nei giorni di venerdi 26 dalle ore 15.30 alle ore 20.00 e sabato 27 dalle ore 9.30 alle ORE 12.30.

SERVONO URGENTEMENTE: LATTE A LUNGA CONSERVAZIONE, ACQUA, OLIO, PASTA, CIBI IN SCATOLA ( fagioli ceci, lenticchie, piselli, tonno, ), COPERTE, VESTITI E SCARPE INVERNALI,IMPERMEABILI, PANNOLINI E PANNOLINI.

#SosTerremoto

medicinali
Per eventuali informazioni chiamare: 0815528815/ 3272568362/ 3497584462

Grazie!

 

chiusurasedelocandina

Vi riportiamo a seguire i dati e le tabelle del rapporto annuale sull'omotransofobia svolto da Arcigay. Si registra, nell'ultimo triennio 2012/2015, un grosso incremento di casi di omotransfobia a Napoli, che diventa un caso a livello nazionale. Certo non è che una grande città come Napoli si riscopre omofoba da un momento all'altro, ma va esaminata con molta attenzione, a nostro avviso, questa singolare apparente esplosione di omotransfobia nel capoluogo partenopeo. Da notare che Napoli nel corso di questo ultimo triennio è stata in prima linea, attraverso una serie di provvedimenti, avanzati dalle associazioni LGBT del territorio e fortemente voluti dall'Amministrazione guidata da Luigi de Magistris( Napoli prima grande città d'Italia ad aver avuto il Registro delle Unioni Civili, ad aver trascritto un matrimonio contratto all'estero tra persone dello stesso sesso, ad aver trascritto l'atto di nascita di un bimbo figlio di due mamme sposate all'estero di cui una napoletana, il caso Ruben, ad aver avviato un importante lavoro nelle scuole con il progetto Napoli DiverCity e con il Forum Internazionale delle Culture, ad aver avviato percorsi di inserimento lavorativo di persone lgbt discriminate sui luoghi di lavoro Diversity on the Job). Questi importanti provvedimenti e la crescente visibilità delle associazioni LGBT del territorio hanno prodotto probabilmente una maggiore consapevolezza all'interno nella comunità LGBT napoletana, che ha finalmente preso coscienza dei propri diritti e ha iniziato a denunicare alle associazioni e in molti casi alle Forze dell'ordine, le violenze e le minacce di stampo omotransfobico. Per questo siamo convinti che sentenze esemplari come quella del 2014 sul caso di Maria Luisa Mazzarella, aggredita nel 2009 a Piazza Bellini, insieme all'azione sinergica delle Istituzioni e delle Associazioni LGBT del territorio possano finalmente far emergere i casi di omotransfobia. Occorrono però provvedimenti strutturati, sia su scala regionale, sia su scala nazionale. E' urgente a nostro avviso una legge contro l'omotransfobia, soprattutto in questo momento storico e in previsione dell'approvazione della legge sulle Unioni civili, che porterà come successo in altri Paesi, un incremento e una emersione dei casi di omotransfobia.

 

OMOTRANSFOBIA 2013-2015: 325 vittime: poco meno di due ogni settimana.

 

12 omicidi, 22 suicidi, 3 tentati suicidi, 124 vittime di aggressioni isolate, 12 vittime di aggressioni a coppie o gruppi, 62 atti di pesante intimidazione o discriminazione (per l'elenco dei casi clicca qui).

Ma l'elenco è sicuramente incompleto perché raccoglie i soli casi denunciati. Mancano tutti i casi di bullismo nelle scuole, che spesso si risolvono senza denuncia, e quelli di tutte le vittime che, per loro motivi, forse non condivisibili ma da rispettare, non hanno avuto il coraggio di denunciare.

La presente ricerca è svolta per conto di Arcigay, a cura di Massimo Battaglio, nelle more del rapporto annuale sull'omofobia, eseguito per il Ministero delle Politiche Sociali.

omofobia13032016
mappa aggiornata al 13.03.2016 dopo l'uccisione di piccola Ketty a Napoli


primariepd
A seguire le domande poste da Arcigay Napoli, Arcilesbica Napoli e Arci Napoli ai quattro candidati per le primarie del centrosinistra in previsione delle prossime amministrative nel capoluogo partenopeo.
  1. Quale sono le politiche a favore della comunità LGBT presenti nel suo programma di governo della città?

MARFELLA: Credo che innanzitutto occorra una figura istituzionale, penso ad esempio all’assessore alle pari opportunità e politiche sociali, che su indicazione dell’amministrazione, si interessi in maniera particolare di sensibilizzare l’istituzione stessa verso la comunità LGBT. Poi  attivando una campagna di ascolto delle esigenze della comunità, convocando i referenti delle associazioni. Una commissione ad hoc od un tavolo permanente con assessore e stakeholders dovrebbe essere convocato a cadenze regolari per poter non solo ascoltare, ma anche orientare, decidere, e poi verificare che le azioni richieste siano via via messe in atto.

BASSOLINO: Penso che sia giusto che le politiche per il mio programma nascano da un confronto con la comunità LGBT napoletana. Andrebbe dunque allestito un gruppo di lavoro con l’obiettivo di indicare un sistema di azioni che abbiano un carattere trasversale tale da mobilitare più assessorati e sviluppare una maggiore collaborazione fra le istituzioni (scuole, università, ASL). In particolare:

•       In primo luogo, è necessario promuovere una cultura del rispetto dei diritti, della libertà dell’accoglienza e di contrasto all'omofobia e alle discriminazioni fondate sull’orientamento sessuale e l’identità di genere;

•       Allestire dei servizi mirati per realizzare  specifiche azioni socio-culturali (formazione; informazione; salute; lavoro; etc.) rivolte a persone LGBT;

•       Garantire la migliore applicazione delle nuove norme sulle unioni civili, predisponendo tutti i servizi ed i percorsi che ne facilitino l’accesso e la fruizione.

SARRACINO: Promuovere il diritto all'uguaglianza di genere. Napoli è e deve essere la capitale dei diritti. Il Sindaco ha il dovere di contrastare tutte le forme di violenza e discriminazione nei confronti delle persone gay, lesbiche, bisessuali e trans. Collaboreremo attraverso progetti di formazione con le associazioni che svolgono un lavoro importante a tutela dei diritti.

VALENTE: Napoli è una città con una grande tradizione di inclusione e rispetto di ogni forma di differenza, il mio programma prevedere che tutte le persone, le famiglie, le formazioni sociali siano sostenute. La comunità lgbt deve poter contare su un Comune che abbia come strategia generale non tanto servizi e strumenti di aiuto specifici, quanto una costante attenzione e formazione degli operatori sociali e dipendenti comunali affinché siano contrastate tutte le forme di discriminazione. Così come avviene in tutte le grandi città europee, Napoli deve fornire alle sue cittadine e ai suoi cittadini attenzione e tutela affinché nessuna persona sia emarginata.

  1. Cosa pensa della “teoria gender” e della necessità di interventi nelle scuole per il contrasto all’omotransfobia?

MARFELLA: Credo sia necessario ed urgente attuare interventi nelle scuole, perché purtroppo ancora oggi registriamo numerosi casi di bullismo. Un ragazzino/a infatti non ha gli strumenti e la maturità per difendersi da solo. C’è un forte bisogna di fare una campagna capillare, visto che ci sono stati anche recenti casi di cronaca sfociati addirittura nel suicidio delle vittime. Nessuna amministrazione dovrebbe sottovalutare questo dato.

BASSOLINO: Penso che la cosiddetta “teoria gender” sia una trovata ideologica e propagandistica costruita  ad hoc dai settori più reazionari del mondo cattolico per affermare che esiste un modello unico di famiglia e che l’unione omossesuale sia “contro natura”.

Nelle scuole bisognerebbe sempre proporre modelli culturali aperti alle  differenze e    diversità, e comunque sempre  di contrasto alla omofobia e alla discriminazioni nel campo dell’orientamento sessuale.

SARRACINO: Credo che sia molto importante portare a scuola l'educazione sessuale come avviene in molti paesi del nord Europa, insegnando proprio ai nostri adolescenti che amare è un diritto, oltre che una cosa bellissima, e che le discriminazioni in base agli orientamenti sessuali vanno combattute.

VALENTE: La teoria gender non esiste, vi sono da molti decenni studi sulla differenza di genere su cui hanno dibattuto studiose e studiosi di tutte le formazioni ideali e religiose. Queste riflessioni intendono superare una minorità di opportunità tra uomini e donne, valore oggi condiviso in tutte le democrazie. L'amministrazione comunale, di concerto con i programmi già previsti dal Miur e, anche in collaborazione con l'Unar, deve favorire una adeguata informazione e formazione, in special modo nei confronti degli insegnanti e delle famiglie, rispetto all'omotransfobia, al bullismo, all'emarginazione culturale.

  1. Pari opportunità e diritti di cittadinanza, dalla violenza di genere alla tutela degli immigrati, in breve cosa pensa di poter concretamente realizzare nei prossimi anni?

MARFELLA: Solo una capillare attività formativa e culturale può contrastare il triste fenomeno della violenza di genere ed anche quel senso di rifiuto dell’altro e della sua diversità. Le campagne di sensibilizzazione devono partire dalle scuole ma anche riguardare in senso più ampio tutti i cittadini. L’amministrazione potrà dare esempio con le sue buone pratiche. Quali saranno ripeto non posso dirlo con esattezza perché non ritengo di essere depositario di una verità assoluta. La cosa che farei immediatamente è appunto l’istituzione del tavolo ma non come mero atto formale, piuttosto inteso come luogo reale di ascolto,  decisione e verifica.

BASSOLINO: Penso che bisognerebbe sottoporre a verifica la grande varietà di esperienze realizzate dai comuni nel campo delle politiche volte a garantire la pari opportunità . Inoltre, è necessario proporre un ripensamento ed un rilancio di tali politiche a livello statale, poiché le attuali politiche governative sono state alquanto trascurate. Infatti, le politiche di pari opportunità, di cittadinanza, di accoglienza e di tutela dei migranti necessitano di un forte impulso a livello governativo dal punto di vista politico culturale  e normativo, delle risorse da rendere disponibli, del coordinamento e del monitoraggio. Il Comune deve proporsi di realizzare un sistema di azioni e servizi che promuovano i diritti e le pari opportunità che sia ben coordinato e monitorato ed ispirato a principi e valori di accoglienza, ospitalità, libertà personali, prevenzione della violenza, protezione delle vittime e repressione dei colpevoli.

SARRACINO: Credo che le politiche di integrazione debbano essere una priorità. Napoli è una città che svolge un grande lavoro anche sul fronte dell'accoglienza. La solidarietà del nostro popolo è riconosciuta a livello internazionale, il mio obiettivo è sicuramente quello di aumentare le collaborazioni e i progetti SPRAR, per dare la possibilità a chi non ha avuto opportunità nel proprio paese natio, di vivere e costruirsi un futuro a Napoli.

VALENTE: La città di Napoli si deve ispirare al Trattato di Lisbona e alla Costituzione italiana, documenti fondamentali per la convivenza civile. Ogni specifica identità, dalle nuove cittadinanze ai differenti orientamenti sessuali e identità di genere, dalle condizioni di difficoltà derivanti dall'età avanzata piuttosto che dalla disabilità, deve esser affrontata con attenzione e con strumenti specifici di intervento. Concretamente il Comune si deve concentrare, vista anche la scarsità di mezzi e di competenze, nel favorire progetti e iniziative dell'associazionismo e del privato sociale, realtà che operano fattivamente sul territorio per affrontare quotidianamente povertà, esclusione, discriminazione.

Ancora alcune brevi considerazioni:

Diritti sociali e Diritti civili: vi è ancora nella cultura di una parte importante della sinistra italiana e nel suo pensiero una priorità degli uni sugli altri?

MARFELLA: Non potendo discutere del pensiero altrui, posso dire cosa realmente penso io. Credo che non possa esistere uno sviluppo armonico della società se diritti sociali e civili non vengono egualmente ed indistintamente custoditi, protetti, valorizzati e difesi

BASSOLINO: Come già dissi intervenendo al Pride del 1996 a Napoli, continuo a pensare che non vi sia giustizia senza libertà, e non c’è libertà senza la garanzia dei diritti delle minoranze, a partire proprio dai diritti della comunità LGBT.

SARRACINO: La parola "diritti" è per me la parola della Sinistra e del Partito Democratico. Un passo importante, anche se non sufficiente, è stato compiuto dal governo Renzi con l'approvazione del DDL Cirinnà, ma molto deve essere ancora fatto. Allo stesso modo, la lotta alla povertà sarà una priorità del mio mandato: Napoli è una città che ha fame di lavoro. Occorre costruire le condizioni affinchè le nostre grandi risorse vengano sbloccate e rimesse in campo, e occorre farlo subito.

VALENTE: Sui diritti non sono possibili gerarchie: tutti sono importanti allo stesso modo. Di più, l'assenza di quelli civili deprime la possibilità che quelli sociali siano effettivamente goduti da tutte le persone.

I PRIDE sono ancora necessari, e se sì perché ?

MARFELLA: Credo proprio di si. Penso siano necessari per i tanti che ancora provano imbarazzo e timore rispetto alle manifestazioni esterne dell’affetto fra persone dello sesso sesso, ed anche per chi, specie fra i giovani, hanno paura ad esprimere alla luce del sole il proprio modo di sentire, per non essere giudicati male. Ho assistito alla sfilata del gay pride di qualche anno fa sul lungomare di Napoli è mi è piaciuto molto il modo gioioso di rappresentare dei sentimenti che io giudico assolutamente naturali ma mi rendo conto che tanti altri ancora no.

BASSOLINO: I Pride sono cambiati nel corso degli anni, e credo sia giusto che, ogni anno, la Comunità LGBT si interroghi sul modo e la forma di rappresentarsi.

SARRACINO: Certo, partecipo da sempre al Pride, sono uno di quelli che ha portato il PD in piazza, cosa non scontata. Le lotte e le conquiste più belle sono sempre quelle fatte con allegria. E il pride è un momento innanzitutto di festa.

VALENTE: Il Pride è una manifestazione specifica della storia del movimento lgbt mondiale. E' la festa della visibilità, dell'orgoglio di aver avuto la forza di fuoriuscire dalla clandestinità sociale. Anche i suoi colori, parate, carri, fanno parte di questa specificità. Semmai in Italia sarebbe opportuno essere al passo coi tempi, guardare a ciò che accade nel resto del mondo libero, dove queste manifestazioni sono oggi un patrimonio culturale e pure economico di tutta la popolazione.

Cosa pensa del dibattito sulla legge per le Unioni civili (DDL Cirinnà)sulle stepchild adoptione sulla possibilità da parte di coppie composte da persone dello stesso sesso di poter adottare?

MARFELLA: Pur essendo un esponente della società civile e non un politico di professione, mi onoro di essere il candidato alle primarie di un partito, il Partito Socialista, che ha ritenuto la battaglia per le unioni civili una battaglia irrinunciabile di civiltà. Il Partito Socialista è stato in prima fila a difesa della Cirinnà, dichiarando di volerla appoggiare fino in fondo in tutte i suoi articoli e commi, compresi i riferimenti alla stepchild adoption, che altro non è che l’adozione del figlio biologico di uno dei due partner. Abbiamo avuto purtroppo la delusione che la Cirinnà è stata in parte resa inefficace, ma il partito socialista si è già attivato a favore di un nuovo disegno di legge questa volta per le adozioni non solo a favore di coppie dello stesso sesso ma anche dei single, perché, e questo lo condivido appieno anche io, non c’è nulla di peggio per un bambino che languire in una “casa famiglia” senza l’affetto di un nucleo familiare.

BASSOLINO:  Sappiamo bene che tutte le battaglie sui diritti civili si sono sempre scontrate con un nucleo di conservazione molto forte. Pertanto, ora, la stepchild adoption deve trovare la sua soluzione normativa nell’ambito di una riforma della legge generale delle adozioni, di cui vi è una riconosciuta e forte necessità. Tra l’altro, questa forma di adozione si può già praticare grazie ad una giurisprudenza favorevole. Personalmente, sono favorevole all’adozione da parte di single e di coppie dello stesso sesso.

SARRACINO: Assolutamente si. Per la mia generazione questa è una discussione surreale.

VALENTE: L'approvazione al Senato della legge sulle unioni civili è un primo importante passo sulla lunga strada per l'ottenimento della parità dei diritti. Purtroppo a causa del comportamento scorretto dei grillini e, di un tenace ostruzionismo portato avanti dalla parte più reazionaria del Parlamento, si è dovuto stralciare la stepchild adoption. Il PD intende immediatamente recuperare, presentando una proposta di legge di riforma della legge sulle adozioni. E' bene a questo punto aprire un confronto aperto tra tutte le sensibilità presenti nell'opinione pubblica su come, oggi, il nostro paese debba garantire a tutti i bambini gli stessi diritti.

E' favorevole al matrimonio egualitario?

MARFELLA: Certo che si, la  considero una questione addirittura superata, anche se mi rendo conto che qualcuno può non essere ancora d’accordo.

BASSOLINO: Sono favorevole.

SARRACINO: Assolutamente sì.

VALENTE: Personalmente lo sono e, allo stesso tempo mi rendo conto che la nostra società ha bisogno di un percorso di crescita culturale, che con l'approvazione delle unioni civili, segna un primo positivo passaggio.

Per concludere:

Una battuta sul Sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, che vorrebbe rimuovere i volumi con le fiabe "arcobaleno" dagli asili.

MARFELLA: Vorrei vietare le fiabe di Hansel e Gretel e di Cappuccetto Rosso, perché le considero violente e ciniche. Per i bambini è molto più terrorizzante  ascoltare una fiaba in cui i bambini vengono abbandonati da soli nel bosco che qualsiasi altra cosa. Ma credo che con questa logica sono poche le fiabe che potrebbero salvarsi. Anche la Bibbia andrebbe vietata.

BASSOLINO: Venezia è una città aperta a tanti stimoli, anche nel campo delle libertà sessuali. Sono sicuro che, al di là delle volontà un po’ oscurantiste del Sindaco, i bambini sapranno valutare, una volta cresciuti, l’importanza dei valori di tolleranza, apertura, diversità.

SARRACINO: Un atto vergognoso. Brugnaro è secondo me un sindaco che dimostra arretratezza culturale. Un pericolo per i diritti del nostro paese.

VALENTE: I sindaci devono ben amministrare le città e non occuparsi di questioni di cui sanno poco e su cui per fortuna non hanno competenza.

Ho sempre pensato che la legge sulle unioni civili fosse un passo necessario per questo Paese, non esclusivamente per la comunità LGBT, ma per l'intero benessere della nostra società.

Fino a ieri festeggiavamo provvedimenti amministrativi come grandi passi in avanti: registri comunali per le unioni civili, trascrizione dei matrimoni e dei certificati di nascita nei registri comunali di competenze, erano, e forse lo saranno ancora, anche a legge nazionale approvata, per la portata culturale e politica di cui si fanno carico, in una Paese complesso come il nostro anche demograficamente, una grande conquista per la comunità LGBT. Grandi passi in avanti che, con orgoglio, hanno visto proprio la città di Napoli in primissima linea, trasformandola in una vera e propria Rainbow Repubblic ( è ancora viva l'immagine di plebiscito rainbow per il corteo sulle unioni civili del 23 gennaio e per san valentino poi).

plebiscitorainbow

feed-image Voci Feed
f t g